Processo Produttivo

La produzione adotta una argilla di ottima qualità, confermata dalle analisi effettuate, che ne hanno attestato la similarità per sostanze contenute (caolinite, quarzi, feldspati) alle porcellane di Sèvres.

L’argilla è poi modellata con il sistema dello stampaggio per ottenere il “biscotto”, che è lasciato riposare fino a perdere la maggior parte dell’umidità contenuta; dopo l’essiccazione al “biscotto” è applicata la “vetrina”, per immersione in una miscela di acqua, silice e carbonato di potassio, ed a questo punto è pronto per la cottura.

I manufatti sono in porcellana dura, cotta alla temperatura di 1380° in atmosfera riducente (assenza di ossigeno), questo conferisce al prodotto una ottima resistenza agli urti, shock termici ed abrasioni con un alto livello di brillantezza e di bianco.

Le decorazioni vengono studiate in sede e realizzate in fabbrica con inchiostri per alimenti (basso contenuto di piombo e cadmio) come testimoniano le certificazioni che normalmente forniamo per ogni singola produzione (“Certificato di cessione di piombo e cadmio” del 18/07/05, attestante la conformità alle norme della Direttiva CEE 84/500 del 15/10/84, degli articoli forniti). Le decorazioni vengono poi apposte sul manufatto già vetrinato e cotte a temperature (3° fuoco) oscillanti tra 780° e 810°, dipendendo essenzialmente dai colori da realizzare.